ultime news



INVIACI LE FOTO DELLA TUA TARTUFAIA!
Verranno inserite nella nostra fotogallery.
Mandaci una mail

Le nostre piante

CERRO

Quercus Cerris L.
CARATTERISTICHE BOTANICHE Caducifoglia raggiunge altezze fino a 30/35 mt. Il tro …

dettagli
LECCIO

Quercus Ilex L.
CARATTERISTICHE BOTANICHE Quercia sempreverde che può raggiungere i 20/2 …

dettagli
CARPINO NERO

Ostrya Carpinifolia Scop.
CARATTERISTICHE  BOTANICHE Caducifoglie di medie dimensioni che difficilme …

dettagli
ROVERELLA

Quercus Pubescens Willd.
  CARATTERISTICHE BOTANICHE Caducifoglia può raggiungere altezze d …

dettagli
NOCCIOLO

Corylus Avellana L.
CARATTERISCHE BOTANICHE Caducifoglia con portamento cespuglioso, che in coltura …

dettagli
PINO DOMESTICO

Pinus Pinea L.
CARATTERISTICHE  BOTANICHE Conifera ombrelliforme sempreverde che raggiunge …

dettagli
FARNIA

Quercus Robur L.
CARATTERISTICHE  BOTANICHE Caducifoglia, raggiunge notevoli dimensioni di a …

dettagli

Azienda Agricola VECCHI VIVAI di Giampaolo Vecchi

Coltivazione tartufi, funghi e piante micorrizate a Ferrara

L’ Azienda Agricola  VECCHI VIVAI  di Giampaolo Vecchi  inizia ad interessarsi già di tartufo alla fine degli anni 80. Dapprima impiantando nei propri terreni aziendali una tartufaia di circa un ettaro, per poi  arrivare negli anni successivi a metterne a dimora altri 9 ettari con diverse specie di tartufo. Dopo aver condotto per anni svariate prove sia in campo che in laboratorio e collaborando con Istituti di Ricerca,  Associazioni di Tartufai, Tartuficoltori,   vista la professionalità acquisita e  gli ottimi risultati ottenuti,  decide nell’anno 1999 di avviare l’attività vivaistica di produzione di piante micorrizate con tartufo.

Negli anni i continui investimenti e ricerche ci hanno permesso di raggiungere piante di ottima qualità e importanti produzioni di tartufi negli impianti da noi effettuati. Una sfida costante che assieme ai nostri affezionati clienti che hanno tartufaie già in produzione ci gratifica, dandoci ulteriori stimoli per migliorarci sempre più. 

La tartuficoltura ha fatto negli anni  notevoli passi avanti, e ad oggi possiamo confermare e dimostrare la possibilità di coltivare diverse specie di tartufi adottando le giuste tecniche agronomiche. Le nostre piante non sono fornite ad altri vivai e/o rivenditori,  vengono prodotte e coltivate nelle nostre serre aziendali e consegnate direttamente al cliente finale, per evitare così  frodi con aggiunte di piante forestali non micorrizate. Operando in questo modo siamo così in grado  nel corso degli anni di consigliare sempre al meglio i ns. clienti, fornendogli tutti i giusti accorgimenti per un ottima riuscita della  tartufaia impiantata.

QUALITA' DELLE PIANTE MICORRIZATE

Tutto il materiale di propagazione è accompagnato da certificati di identità clonale (D.L. n. 386/2003) che proviene dal Corpo Forestale Dello Stato inoltre per le specie che lo richiedono viene rilasciato anche il passaporto delle piante CE. La nostra azienda per verificare il grado di micorrizazione qualitativa-quantitativa si è sempre avvalsa di Enti Esterni Riconosciuti e Accreditati.

L’Azienda dal 2012 adotta anche il disciplinare di produzione della Regione Emilia Romagna ( Delibera di giunta 27 febbraio 2012 n. 212)  il quale prevede la tracciabilità di tutta la filiera produttiva nelle sue svariate fasi di lavorazione, partendo dalle fasi di germinazione e inoculo sino alla avvenuta micorrizazione.

La nostra azienda è convenzionata con L’Università Degli Studi di Urbino “ Carlo Bo” Dipartimento di Scienze Biomolecolari per il controllo finale della micorrizazione per tutti i lotti che poi verranno destinati alla commercializzazione.

ACCESSO AI CONTRIBUTI PUBBLICI

E' da notare che in  molte Regioni Italiane in certi periodi sono previsti contributi finanziari per la realizzazione di impianti tartufigeni, che consentono di coprire gli interventi di impianto e cura della tartufaia, così permettendo  un ammortamento dei costi iniziali per i primi anni di non raccolto.

Prima dell'acquisto delle piante da mettere a dimora è bene quindi  informarsi se nella propria Regione, oppure dove si intende impiantare la tartufaia,  al momento sono erogati  finanziamenti, verificando di avere tutti i requisiti per accederVi, (Si consiglia di contattare gli uffici della propria Regione di Residenza,  oppure Comunità Montane,   Associazioni di categoria quali Coltivatori Diretti, Cia , Unione Agricoltori, ecc..).